Perché Oggi è La Festa Della Donna e Perché Si Regalano Le Mimose?

Perché Oggi è La Festa Della Donna e Perché Si Regalano Le Mimose?

Ogni fiore ha un significato ed esiste un fiore perfetto per ogni occasione: magari uno di cui ignorate l'esistenza è perfetto per una determinata occasione. Oggi, ad esempio, è l'8 marzo e il fiore perfetto sono le mimose, che si regalano a tutte le donne. Ma perché proprio oggi si festeggia la donna? E perché si regalano le mimose?


La tradizione ha origini lontanissime, e di conseguenza è pieno di falsi miti e storie leggendarie. Prima di capire come è nata la festa delle donne, sfatiamo alcuni falsi miti riguardo questo 8 marzo.





In Italia si è diffusa l'idea secondo cui l'8 Marzo del 1911 una fabbrica di camicie prese fuoco, e 134 donne persero la vita nel rogo. Tuttavia, questa storia - che cambia per numero di vittime, luogo e luogo - non trova troppo riscontro nella realtà: alcuni studiosi hanno infatti stabilito che la fabbrica in questione non è mai esistita; inoltre, ci fu un rogo che causo molte vittimi, tra cui tante donne, ma avvenne a febbraio.


La prima bozza di festa della donna ci fu nel 1908, quando il partito socialista degli Stati Uniti avanzò la proposta di una giornata da dedicare interamente alle donne. La proposta venne poi ripresa nel 1909 grazie a Clara Zetkin a Copenaghen, durante la Conferenza internazionale delle donne socialiste. Per molti anni i vari Paesi la celebravano un po' quando volevano: si è deciso di uniformare la festa nel 1921, quando durante la Seconda conferenza delle donne comuniste proposta e approvata un'unica data per le celebrazioni. Secondo alcuni studi, le ragioni per cui si scelse l'8 Marzo sono da ricercare nella politica russa degli anni '20: una narrazione tutt'altro che romantica.



In Italia, nei giorni immediatamente precedenti all'8 Marzo, tutte le città si riempiono di venditori di mimose. Già, ma perché proprio questo fiore giallo?

Secondo alcune leggende, nelle vicinanze del fantomatico incendio di cui sopra cresceva un albero di mimose. In realtà, anche in questo caso la realtà è un po' meno romantica: nel secondo dopoguerra, si cercava un fiore che potesse simboleggiare le donne. La scelta doveva ricadere su una pianta che fiorisse a marzo e che fosse particolarmente economica, viste le ristrettezza a cui erano costretti gli italiani in quel periodo.


La scelta migliore furono quindi le mimose, che nel 1946 divennero il simbolo della festa delle donne in Italia.